Storie di Mare, vacanze in barca a vela, crociere alle Isole Tremiti e Croazia, corsi patente nautica a Termoli e tanta passione per il mare.

Informazioni per partecipare

Cosa è necessario per partire in barca a vela?
Ci vuole passione per il mare e un pizzico di gusto d'avventura. Non bisogna essere degli sportivi o degli spericolati ma é necessario un po' di spirito di adattamento e voglia di scoprire ritmi e abitudini più semplici e sane.

In che periodo organizzate le vacanze a vela?
Da maggio a settembre.

Chi può partecipare?
Chiunque, single, coppie, famiglie o gruppi di amici.

Come si fa a partecipare?
Puoi contattaci via email (amici@storiedimare.it)

Qual é il numero massimo di partecipanti?
La vacanza in barca a vela è un modo di vivere il mare opposto a quello di gommoni e barconi rumorosi e stracarichi. La nostra barca ha 8 posti letto più equipaggio, ma per una vacanza veramente unica noi organizziamo partenze con un massimo di 6 passeggeri più l'equipaggio. Se siete un gruppo più numeroso la soluzione migliore è organizzarsi con più barche perché viaggiare in flottiglia è anche più divertente, contattaci (amici@storiedimare.it) e penseremo noi a tutto. Diffida delle barche troppo cariche, la qualità dell'esperienza crolla quando la barca è affollata.

Come sono le sistemazioni a bordo?
A bordo della nostra Athos per i passeggeri abbiamo due cabine matrimoniali e una cabina molto ampia e ariosa con quattro letti singoli e un bagno riservato. Le cuccette vengono assegnate in base alle preferenze dei passeggeri e in ordine di prenotazione.

Si condivide la barca con estranei?
Un viaggio in barca a vela è un'occasione per conoscere nuove persone amanti del mare e della libertà, ma se un gruppo di amici vuole avere la barca tutta per se può farlo.

Cosa fa lo skipper?
Lo skipper è il conduttore dell'imbarcazione. Non è per forza la persona al timone ma è il coordinatore di ogni manovra. Ha la responsabilità della riuscita del viaggio e l'ultima parola su ogni decisione che riguardi la barca in particolare tutto ciò che ha a che fare con il meteo, il mare, la navigazione e l'ancoraggio.

Chi è lo skipper?
Nel nostro gruppo ci sono skipper con esperienze di traversate oceaniche e regate a livello nazionale, con molti anni di navigazione nell'Adriatico.

L'equipaggio è composto solo dallo skipper?
Tutte le persone presenti a bordo fanno parte dell'equipaggio ma ovviamente ognuno contirbuirà in base alle proprie capacità e al desiderio di partecipare. Lo skipper potrà portare con sé un vice o un assistente.

Chi partecipa alle manovre di navigazione?
Tutti a bordo possono dare una mano, se lo vogliono. Lo skipper assegna i compiti e coordina tenendo conto delle capacità e dell'esperienza di ognuno. Non si tratta solo di timonare o regolare le vele ma anche di fare turni di guardia, cucinare, pulire, fare la rotta e aggiornare il diario di bordo. Ovviamente il ritmo è molto rilassato e fra una manovra e l'altra tutto l'equipaggio, compreso lo skipper, può gustarsi a pieno l'atmosfera e il paesaggio.

Chi fa da mangiare?
Prepararsi da mangiare a bordo fa parte dell'esperienza in mare. C'è un ampio frigorifero, fornelli, pentole, stoviglie e persino il forno, per cui è possibile cucinare come a casa oppure restare leggeri con un menu fresco e crudo, il tavolo è grande con posti a sedere per tutti. La cambusa, cioè la spesa alimentare, non è inclusa nella vacanza ed è sempre a carico degli ospiti anche se, per facilitare le cose, spesso è lo skipper stesso che si occupa materialmente di comprarla e caricarla a bordo. Lo skipper può offrirsi anche di preparare da mangiare per tutti, ma in ogni caso non è suo dovere farlo: non ci sono cuochi né camerieri a bordo.

E le pulizie?
La pulizia a bordo è fondamentale per una piacevole crociera. Ciascuno è responsabile del proprio "quarto" (letto e spazi attorno) e ci si divide i compiti per le zone comuni. Solitamente fra persone civili non è necessario organizzare turni poiché in barca c'è uno spazio limitato ed è molto facile tenerla pulita e in ordine se ognuno collabora, ad esempio togliendosi le scarpe prima di salire a bordo, o evitando di scendere in cabina bagnati, ecc.

Che barca si utilizza?
Noi amiamo navigare con la nostra bellissima Athos, ma si possono utilizzare altre barche per partire in flottiglia. In ogni caso si tratta sempre di barche in perfette condizioni costruite da cantieri affidabili e riconosciuti.

Dove si dorme?
La barca non è solo un mezzo di trasporto ma anche una casa da portare con sé, esattamente come un camper sulla terraferma. Si dorme quindi a bordo, vi sono letti comodi, bagni e tutto il necessario. Si può scegliere di passare la notte in porto, ormeggiati, con il vantaggio di poter scendere a terra in ogni momento, sfruttare i servizi offerti dal marina ed essere riparati dal mare. In alternativa si può dormire in rada, cioè all'ancora in una cala riparata dalle onde. Le notti in rada sono senza dubbio le più emozionanti, ma naturalmente conviene farlo solo quando le condizioni del mare lo permettono e c'è una cala adeguatamente riparata in cui fermarsi.

C'è l'acqua dolce?
Un'esperienza in barca a vela è anche un modo per riscoprire il giusto valore delle cose, come ad esempio l'acqua dolce, un bene prezioso che a terra siamo abituati a sprecare. In barca la quantità di acqua dolce a disposizione è limitata, i serbatoi sono capienti ma è fondamentale consumarla con parsimonia. C'è invece infinita disponibilità di acqua di mare che ha l'unico difetto di essere salata, la doccia del marinaio, ad esempio, prevede un tuffo in mare, poi una buona insaponata tassativamente con sapone biodegradabile, un secondo tuffo e una sciacquatina veloce con l'acqua dolce solo per togliere il sale.

E la corrente elettrica?
Un'altra risorsa limitata a bordo è l'elettricità. Le batterie della barca servono ad alimentare il frigorifero, gli strumenti di navigazione e i servizi di bordo per cui è importante non sprecare corrente lasciando luci accese, ecc. E' possibile ricaricare cellulari o utilizzare altri apparecchi elettrici esterni solo quando il motore è avviato, esattamente come in una normale automobile. Si consiglia di essere quanto più autonomi possibili portandosi ad esempio dei powerbank o delle batterie di ricambio per i propri apparecchi.

Si può scendere a terra?
Le barche a vela navigano sempre con un tender, un gommone di supporto grazie al quale è possibile scendere a terra per visitare un'isola o cenare al ristorante senza bisogno di porti o attracchi.

Da dove si parte?
La nostra base nautica è Termoli, il porto più vicino alle Isole Tremiti e un perfetto punto di partenza per la Croazia con Vis e Lastovo a poco più di 70 miglia di distanza. Il marina San Pietro di Termoli si trova in centro città, a cinque minuti a piedi dal paese vecchio, e adiacente sia a un grande parcheggio gratuito, che a un parcheggio custodito.

Come si stabilisce l'itinerario?
L'itinerario lo stabiliscono insieme le persone a bordo coordinate dallo skipper che conosce tutte le caratteristiche della zona di destinazione ed è sempre aggiornato sulle condizioni meteo. In ogni caso non c'è decisione già presa che non possa essere rivista qualora il mare e il vento lo rendano necessario, l'itinerario viene infatti aggiornato ogni sera. La parola finale spetta sempre ed esclusivamente allo skipper che ha la responsabilità ultima della sicurezza della barca e di tutti i suoi passeggeri.

Si possono organizzare partenze diverse da quelle previste dal calendario?
S, certo. Si può partire in mezzo alla settimana, per durate più o meno lunghe, per destinazioni diverse. Ogni proposta è ben accetta e verrà valutata.

Cosa include il costo a persona?
Il costo a persona include: lo skipper, la barca, il tender, il carburante, la pulizia di fine viaggio, il gpl per cucinare, l'acqua dei serbatoi. Non sono comprese: la cambusa, le lenzuola, gli ormeggi in porto e le eventuali tasse di soggiorno.

Come faccio a prenotare?
Inviaci una email (amici@storiedimare.it) e ti daremo indicazioni per versare una caparra a garanzia della prenotazione.

Che succede se c'è cattivo tempo?
Nei mesi in cui navighiamo solitamente il cattivo tempo dura poco ed è spesso possibile semplicemente rimandare o anticipare la partenza di qualche ora, ciò nonostante il rischio di avere cattivo tempo fa parte della navigazione e quando non ci sono le condizioni per navigare non c'è altra scelta che rimanere in porto. La barca è comunque a tua disposizione come anche lo skipper che ti aiuterà a organizzare delle attività alternative in zona.


 

Contattaci via email (amici@storiedimare.it) per partecipare o saperne di più